lunedì 23 novembre 2015

La prima neve

Certe mattine apri le finestre e le montagne sono lì, spennellate di neve. Il cielo limpido, il sole splendente, l'aria pungente. Voci di amici che dal cortile chiamano a giocare. Chiuderesti loro le tende in faccia facendo spallucce? Io mi scrollo la pigrizia di dosso - la sento cacciare un miagolio risentito - infilo i piedi negli scarponi e due panini nella stagnola e via: la macchina imbocca alllegra la strada che sale, scondinzolando come segugio su una pista buona.

6 commenti:

  1. la semplicità dei piccoli piacere che richiedono solo uno sforzo a vincere pigrizia (lunedì anch'io mi sono fatto attrarre dalle cime innevate e sono scappato in montagna:))
    ciao
    ml
    (oggi blogspot ha voluto la mia anagrafe!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. blogspot è sempre più esigente e fastidioso. farebbe bene anche lui (o lei?) scappare un po' in montagna!
      ciao, buone gite
      prish

      Elimina
  2. Abbiamo la fortuna di poter sostare in un'età nella quale è sufficiente un cenno per tornare adolescenti. Appena una spruzzata di neve fresca e siamo già altrove, le ali ai piedi, il cuore leggero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. proprio così Pim! ... anzi, a dire il vero per quanto mi riguarda adolescenti è un eufemismo :-)
      buona settimana,
      prish

      Elimina
  3. il miagolio risentito lascia subito il posto alle fusa...
    piccole, grandi ebbrezze ;)
    un abbraccio Prish!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la pigrizia è un animale domestico fantastico ;-)

      Elimina