giovedì 12 dicembre 2013

Cara Santa Lucia


Cara Santa Lucia,
è già passato un anno, il tempo vola. E tu dirai, mi hai scritto per fare i convenevoli? No, è che - pensavo - mi sento come se avessi fatto tanta di quella strada quest'anno e invece, a ben guardare, se ho percorso trecento metri sarà tanto. E per fortuna che hai più buonsenso di quella tua amica, la Smemorina, e mi hai dato scarpe buone da mettere ai piedi: già così ho le vesciche, figuriamoci in che condizioni sarei se avessi calzato quei cosi di cristallo. No va bene, scusa, lo so che tu non c'entri con la Smemo e la sua bacchetta, che la tua magia è sul serio, mica una favola per bambini. E poi mi immagino che anche l'asino stia ben attento a mantenere  le distanze...  se le capita a tiro, quella là è capace di trasformarlo in cocchiere. O autista. O pilota.  Ti immagini? Va bene va bene, la smetto, l'ho capito che non gradisce. Lui questo humor inglese non è che lo apprezzi tanto, eh?!
Allora dicevamo, mi sembrava di aver fatto tanta strada ma poi oggi, lucidando le scarpette, mi accorgo che sono andata ben poco lontana. Certo, ho assaporato perfino il gusto delle vetta, e lungo la via ho fatto incontri memorabili. Di questo c'e' proprio da esser grati. Eppure, nonostante, mi ritrovo sempre qui a fare i soliti conti coi miei difettucci miseri e con le mie paure da poco. Forse è perchè in fondo - in fondo al cuore - faccio sempre il biglietto di andata e ritorno. Giro sempre intorno al mio cortile. 
Allora sai cosa ti dico, Santa Lucia? Che mi son stufata di far quella che chissà dove deve andare. Io adesso sto un po' qui e metto su il tè e faccio due biscotti.  Tu, casomai, portami se puoi un bello zerbino con su scritto benvenuti e dì all'asino che vi aspetto alla fine del giro, che vi scaldate un po'. Cosa dice? Lui vuole il vin brulè? Va bè, direi che si può fare. 

p.s. C'è una mia amica che è stata molto buona, e lei sì che di strada ne ha fatta  e ne farà. Siccome la conosco e so che in questa lettera ci verrà a sbirciare, metto nella busta un paio di biscotti anche per lei. Percio' scusa se ci trovi qualche briciola burrosa....

8 commenti:

  1. Santa Lucia ha sorriso leggendoti, secondo me.
    Bacio, Prish
    Irene

    RispondiElimina
  2. Brano dolcissimo, scritto con il cuore.
    Perdona se divago con un aneddoto: alle 7,30 del 12 dicembre mi arriva l'sms di una Lucia che mi sollecita gli auguri. Rispondo che glieli avrei fatti a voce in giornata, però penso che gli auguri on demand sono una cosa che non mi era mai capitata. Che è oggi, mi sono detto, San Narciso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli auguri on-demand sono terribili!! .... anche volendo trascurando il particolare - ma sappiamo bene che il diavolo si nasconde nei dettagli - delle ore 7.30.
      Sei stato un signore, io avrei risposto con un laconico 'auguri'. ;-)
      Buona settimana caro Pim!

      Elimina
  3. Difatti, il mio sms di risposta terminava così: "... Visto che ora me li richiedi, comunque, ti porgo i miei auguri". Ciàpa lì. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...quando ci vuole ci vuole. e ',comunque,' è un tocco di classe! :-)

      Elimina
  4. Anche io giro sempre in torno... sai che ti dico? Vengo a prendere una tazza di tè in compagnia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avanti avanti, il divano e' grande!

      Elimina