giovedì 26 settembre 2013

I cani e i lupi

I libri, come i ristoranti, le borse e probabilmente le persone, si scelgono per certi particolari. Particolari che si incastrano giusti giusti nei nostri ingranaggi segreti e fanno partire il meccanismo della giustificazione razionale. 

Io, questo libro, l'ho scelto per questo particolare: 'Fin da piccola Ada accompagnava spesso nei suoi giri il padre, un tipo mingherlino dagli occhi tristi, che le voleva bene e che trovava conforto nel tenerle la mano'. E accorgendomene mi é sorta una gran gratitudine per quella professoressa che ha sottratto un po' di tempo allo studio delle regole per dedicarlo ad allenare il nostro orecchio. Forse sapeva, che avremmo scelto per certi particolari.

12 commenti:

  1. (I cani e i lupi, Irene Nemirovsky, Gli Adelphi pag.11)

    RispondiElimina
  2. Evviva quei professori (io ne ho avuto più d'uno di quelli "giusti"), evviva la stella (che forse ha aiutato), evviva lo spirito che asseconda l'orecchio...
    Evviva pure Prish che sa esprimere tutto ciò a meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed evviva anche Irene che legge col cuore :-)

      Elimina
  3. C'è un'immagine (di vita vissuta) che associo alla Némirovsky. Seduta su una chaise longue al bordo piscina, una giovane donna legge ad alta voce le prime pagine di "Il ballo" al fidanzato, il quale ascolta con gli occhi chiusi.
    Devo scriverla, questa storia...

    Grazie Prish.
    Pim

    RispondiElimina
  4. Anche i blog si scelgono per gl'ingranaggi che s'incastrano.
    Perchè uno, quando ritorna, è come arrivare a casa e trovare il camino acceso.
    Come vedi vado, ma ritorno sempre :)
    Un abbraccio Prish

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello, molto molto bello, aprire la porta e trovarti lì, coi tuoi biscotti fragranti! Bentornata cara .G
      Prish
      p.s. il camino acceso: non avresti potuto dirmi nulla di più bello, davvero!

      Elimina
  5. Commento a ok proviamo (lo inserisco qui perche' nel post giusto blogspot mi ha incagliato)

    Non e' successo nulla in apparenza eppure ricordera' il tuo sguardo e tu il suo.
    Le piccole magie degli istanti fuori dal tempo.
    Ciao
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, proprio quegli istanti che vorresti fotografare, e forse in fondo un po' lo fai :-)
      Grazie, a presto
      Prish

      p.s. blogspot e worpress non ne vogliono proprio sapere di fare
      amicizia!

      Elimina
    2. Gia'! Blogspot storce il naso ognivolta che passo di qui, se mi identifico dice che non ci crede che io sono io e a quel punto diffidente com'e' non mi lascia registrare nemmeno come anonimo!
      :-)
      ml

      Elimina
    3. Eh, anche wordpress ce la mette tutta per tenermi alla larga, ma non demordo: il tuo 'salotto' e' troppo piacevole :-)
      (A proposito, per chi legge, il suo salotto e' qui http://orearovescio.wordpress.com

      Elimina