venerdì 17 ottobre 2008

Ancora Sogni

E’ un ribollire di sogni, sotto la superficie assolata. Escono appena sollevo il coperchio, appena abbasso le tapparelle e la guardia, sono lì a ricordarmi l’assoluta impossibilità di decidere i nostri desideri. Sempre per quella storia di chi è il capo. Vorrei tanto sapere chi guida questo autobus traballante e perché diavolo è severamente vietato parlare al conducente.

12 commenti:

  1. Inoltre, per usare le parole di una vecchia vignetta di Altan, "vorrei sapere chi è il mandante di tutte le cazzate che faccio". :-)

    RispondiElimina
  2. :-))) deve essere proprio un bel tipo...

    RispondiElimina
  3. Avevo letto:

    «e perché al diavolo è severamente vietato parlare al conducente.»




    Altan lo leggevo sul Corriere dei Piccoli (differenza generazionale tra me e Biz… :P )

    RispondiElimina
  4. Perchè forse fa già cazzate---se si distrae per ascoltarti o risponderti ne fa di più :)))))

    RispondiElimina
  5. Ciao Irene.... oppure... perchè se ognuno dicesse la sua chissà dove andremmo a finire!


    RispondiElimina
  6. Per Piccic: a volte ho il dubbio che il diavolo gli parli eccome... ;-) !!!

    RispondiElimina
  7. Calimera, Prishilla.


    E' possibile, secondo me, decidere i propri desideri. Non cosi', di punto in bianco, ma partecipando alla costruzione della propria parsonalita', fin dall'infanzia e senza smettere mai.


    Ad un certo punto i desideri che ti guidano sono (fino ad un certo punto) quelli che tu hai costruito costruendoti.


    Certo, anche altri hanno partecipato a questa costruzione: gli antenati attraverso i geni, il contesto attraverso gli incontri, i libri letti, le musiche ascoltate, i film visti, lei, lui, gli amici del cuore...: " noi siamo un colloquio" come dice Eugenio Borgna in un libro miracoloso.


    Il capo siamo noi.


    Fulmini

    www.fulminiesaette.it

    RispondiElimina
  8. Sembra un sogno raccontato da Fellini...

    RispondiElimina
  9. Il capo siamo noi.

    Veramente io, tutt'al più mi sento un arto.


    Ma direi meglio, tessuto connettivo… :=)

    RispondiElimina
  10. Ciao Fulmini, grazie del contributo ottimista. Diciamo che se bisogna iniziare dall'infanzia temo che un bel po' di gente sia in serio ritardo....

    :-)

    RispondiElimina
  11. Ciao Piccic, io... ho mal di capo.....


    ;-)

    RispondiElimina
  12. Grazie Pim, che complimento...!!!

    RispondiElimina