domenica 11 ottobre 2009

Tema: Quella volta che ho dormito e non ho pigliato pesci


Tendenzialmente li lascio a casa loro, i pesci. Tutt’al più mi accontento di pigliarli con la macchina fotografica. Certo però che certi pesci varrebbe proprio la pena pigliarli, nel vero senso del termine. Soprattutto la Vigilia di Natale, soprattutto se è la prima che passi con tuo marito e soprattutto soprattutto se hai invitato a cena la famiglia di lui.


Tendenzialmente amo dormire. Sono una di quelle che mettono due o tre sveglie dal terrore di non riuscire a sciogliersi dal dolce abbraccio di Morfeo, e anche una di quelle che la domenica non ne vuol sentire parlare di riemergere dalle coperte prima che il sole sia bello alto nel cielo. E se piove cosa mi alzo a fare.


La Vigilia di Natale in questione di sveglie avrei dovuto metterne sei o sette, vista la tentazione di infilare la testa sotto al cuscino come il noto struzzo sotto alla sabbia. Da una settimana mi chiedevo quale demone mi avesse potuto fare lo scherzo di fare uscire dalle mie labbra l’invito. La Vigilia di Natale? La famiglia di Lui? Io cucinare per loro? Suocera, suocero, cognati e bambini? C’era un marziano dentro di me, quel giorno in cui l’ho detto. Ma perché, perché poi mi aveva abbandonato? Marziano codardo, dovresti essere qui a possedermi e ad apparecchiare, preparare il sugo ai funghi e procurarti il pesce! Accidenti a te.


Da una settimana imploravo il ritorno del marziano e intanto decoravo la scala con i rami di pino, appendevo palloncini, renne e stelline in ogni dove, nello strenuo tentativo di rendere quella casa - nuova e ancora troppo spoglia e troppo poco mia - un posto in cui potesse brillare almeno una scintilla del Natale. I risultati continuavano a rimanere piuttosto deludenti, in compenso per appendere la ghirlanda alla porta di ingresso ero riuscita a chiudermi fuori in ciabatte, il che aveva implicato la necessità assoluta di suonare alla porta degli sconosciuti vicini, consegnando loro una perfetta occasione per una buona azione che infondesse magicamente  nel vicinato lo spirito del Natale. Occasione mancata perché nel loro salotto imperava la lite con il figlio (vita molto bassa e frangia molto lunga) per l’ora del rientro dalla discoteca: ovvero prego telefoni e poi vada ad aspettare sulle scale.


Così, quella mattina della Vigilia, al suono della sveglia la mia unica reazione fu di picchiettare nervosamente sul tasto snooze in una sorta di segnale morse. Tre punti tre linee tre punti. SOS. Ancora cinque minuti. Tre punti tre linee tre punti. SOS Marziani mi sentite? Ad un certo punto era anche comparso un piccolo ometto verde, ma invece di correre in mio aiuto rimaneva fermo con il dito puntato verso di me e faceva DRIIIINNNN. O Mamma Santissima: che ore sono??


Era tardissimo, così mi ritrovai, vestita alla bene meglio e con l’unico conforto di un caffè trangugiato davanti all’ascensore, al'entrata della pescheria. Un sole pallido era alto nel cielo e dalla porta del negozio, che, accidenti a lui, non accettava prenotazioni, si riversava in strada una piccola folla. Signora deve prendere il numero, mi redarguì un coro di simpatiche vecchiette non appena tentai di allungare il naso verso la soglia. Okey Okey. Alla faccia dello spirito natalizio. Che fossero andate a colazione dai miei vicini?


Presi il numero. 75. Guardai il tabellone con il cuore in gola: segnava 3. Sconfortata attraversai la strada per un rinforzo di caffè e, confesso, feci un pensiero su bicchierino di sambuca. Al ritorno il tabellone mi diede una certa speranza, e con nonchalance riuscii a dare un’occhiata verso il banco frigo, che sembrava preso d’assalto dagli unni. Con mio grande sollievo  riuscii a scorgere una gran massa di branzini dagli occhi lucidi. Finchè una voce annunciò: Settantacinque! Ed io pronta: Sono qui Sono qui. Ma un energumeno dall’aria truce mi trapassò il costato con sguardo assassino. Signora lei ha il Settantacinque C, ora tocca al Settantacinque A. Che sarebbe lei? Sì. Ah.


Senza ritegno sedetti sul gradino, guardando con la coda dell’occhio la massa di branzini che si assottigliava e ad ogni numero mormoravo ti prego ti prego prendi i gamberi, la rana pescatrice, la piovra, no il branzino no ti prego ti prego. Stavo per chiedere ad una signora dai bianchi miti capelli cosa ne pensava di una cena della Vigilia a base di pollo arrosto, così tanto per chiacchierare, quando alle mie orecchie arrivò il grido. Settantacinque. C. O Mio Dio. Mi voltai col cuore in gola. Era rimasto solo un branzino striminzito. Posso darle una bella orata. Ehm, si cucina come il branzino? Più o meno. E’ mia.


Giuro, l’anno prossimo non vado neppure a letto.


13 commenti:

  1. Tema assegnato dalla mia amica I. (che ora deve pagare pegno...!)

    RispondiElimina
  2. Ma come? Hai citato il noto animale dal collo lungo amante della sabbia e adesso, cosa facciamo, lo lasciamo tutto solo??? I.

    RispondiElimina
  3. Cioè nel senso che andiamo tutti in spiaggia??
    ;-)

    RispondiElimina
  4. Ok preparo la crema da sole

    RispondiElimina
  5. I pesci, almeno quelli rossi, meglio lasciarli nella boccia ;-)
    Trilli

    RispondiElimina
  6. I pesci, almeno quelli rossi, meglio lasciarli nella boccia ;-)

    Trilli

    RispondiElimina
  7. Tema?

    (ciao, Mont)

    RispondiElimina
  8. Bellissimo racconto, Prish, hai descritto bene il senso di straniamento che coglie invariabilmente anche me. Ogni anno, nei pressi del natale, penso che vorrei addormentarmi il 21 dicembre e risvegliarmi il 7 gennaio. E chi vuole pigliarli 'sti pesci!...

    RispondiElimina
  9. Proprio un tema Mont, come a scuola (sono in vena di compiti, si vede...). Che poi mi ha anche fatto ripensare a quei momenti davanti al foglio protocollo, il banco in bilico sulle ginocchia, i disegnini sul foglio di brutta... A ripensarci adesso c'era anche della poesia (si vede che sto proprio diventando vecchia!)

    RispondiElimina
  10. Eh Pim, il Natale per me è fonte di grandi ambivalenze. Però confesso che per nulla al mondo vorrei perdermelo, corredato di tutti i lamenti del caso....
    Godiamoci l'autunno per ora, và!

    RispondiElimina
  11. Avresti dovuto vedermi!! Grazie Biz, buon weekend

    RispondiElimina
  12. A questo punto per il prossimo Natale dovresti essere salva...insomma farai l'invitata :))))
    Irene

    RispondiElimina