domenica 23 settembre 2007

Kitti

Liscia e schiarisce i suoi capelli come fossero pensieri.


Ha un pizzico di magia nelle mani, eredità potente e onerosa di antenate che hanno amato attraverso fornelli, aghi da maglia, forbici e matite.


Ama l’ordine, la luce, le cose pulite. Parla e ascolta con le mani, soffre con gli occhi, ride con le guance. Ha sempre un pensiero per te e tu lo sai.


Forse solo i suoi gatti conoscono la profondità delle sue notti ma molte unghie possono graffiare la sua insonnia rovente, anche se questo difficilmente potrà essere compreso.


Scrivere di lei è qualcosa che sta fra un piccolo furto e un grande regalo. Qualcosa che vorresti saper fare. Qualcosa che farai, comunque.

7 commenti:

  1. bello!

    lo sai fare bene :)

    ciao

    Pinky

    RispondiElimina
  2. mi piace questa idea del furto. In fondo possiamo dire di poter davvero disporre dei personaggi? Oppure in ogni caso non c'è sempre forse un lato di violazione della privacy?

    RispondiElimina
  3. quanti ladri, allora, a sto mondo... non penso però ci siano antifurti efficaci in questo caso o diritti di copyright imponibili... si ladra e si lascia ladrare...

    RispondiElimina
  4. Furto con destrezza cara Prish !

    Smack


    RispondiElimina
  5. Chi scrive ruba sempre qualcosa alle vite altrui. Un'espressione del viso, un gesto, una frase. Un furto d'uso: si utilizza solo momentaneamente ciò che si è sottratto, lo si restituisce subito dopo. Ma quell'espressione, quel gesto, quella frase, nulla è più come prima...

    RispondiElimina
  6. Diciamo che se il regalo compensa il furto è tutto ok, no?


    Ciao a tutti


    Prish

    RispondiElimina
  7. E' lo straordinario caso della vittima di un reato felice di esserlo...

    ciao Prish !

    RispondiElimina